Bibliografia

  • “Pittura e scultura dell’italia contemporanea” Vol.8, Alfa-Carpi, Roma-Milano, 1971.
  • Antonio DE BONO, presentazione in catalogo, Galleria D.G.B., Cernusco sul Naviglio, 1972
  • Valerio TIBERI, Dino ANGELERI, Antonio DE BONO, “Solitudine e aridità tecnica di Ludovico Calchi Novati”, in “Arte moderna” , Associazione Amici del Quadrato, Milano, 1972
  • Mario MONTEVERDI, presentazione in catalogo, Galleria S.Barnaba, Milano, 1974
  • “Pittori e pittura contemporanea”, il Quadrato, Milano, 1975, ed edizioni seguenti
  • Mario MONTEVERDI, in “Dizionario Critico Monteverdi”, Selearte Moderna, Milano, 1975
  • Antonio DE BONO, “L’elite, selezione arte italiana”, L’elite, Varese, 1975
  • “Catalogo d’arte Comaducci”, Milano, 1975 ed edizioni seguenti
  • “Artecultura” anno XI n.5, Milano, 1975
  • Curzia FERRARI, “Ludovico Calchi Novati: l’urto fra l’uomo e la città, in “Scena illustrata”, anno93, n.9, Roma, 1977
  • Mario MONTEVERDI, “Pittura italiana oggi”, Saronno, 1978
  • “L’Arte a stampa” n.2, Sciardelli, Milano, 1978
  • Giulio NASILLO, Mario MONTEVERDI, in “L’arte italiana per il mondo”, Celit, Torino, 1978
  • “International Catalogue of Modern Art”, AMP, Milano, 1978
  • Curzia FERRARI, presentazione in catalogo, Galleria Angolare, Milano, 1978
  • “Il Giornale Nuovo”, Milano, 15 novembre 1978
  • Susanna MERZEK, “Il pittore che piace agli architetti, in “La Republica”, Milano, 24 novembre 1978
  • “Il Giorno”, Milano, 2 dicembre 1978
  • Mario MONTEVERDI, in “Artecultura”, anno XII, n.10, Milano, 1978
  • Marco MMENEGUZZO, “Calchi Novati all’Angolare”, in “Gala International”, anno XV, n.90, Colombo Milano, 1978
  • Luigi VALERIO, in “Agenda 1979 del collezionista”, Centro Diffusione Arte, Milano, 1979
  • Pedro FIORI, “Ludovico Calchi Novati”, in “D’ARS”, anno XX, n.89, Milano, 1979
  • “Catalogo Nazionale della Grafica”, Bolaffi, Torino, 1979
  • Roberto SANESI, presentazione in catalogo, Centro Culturale La Filanda, Verano Brianza, 1979

[…] Anche se questo ed altro sembrano testimoniare, per esempio, le tonalità plumbee. La disposizione severa delle masse su piani vagamente tatrali, tanto da negare talvolta una continuità dello spazio malgrado (in opere più lontane e di diversa ascendenza) le allusioni a un continuum di reticoli ai limiti di un naturalismo appena superato in direzione Afro, Burri, ecc…, e l’evidente interiorizzazione di ogni pulsione emozionale, con conseguente rarissima predisposizione all’accensione cromatica.

  • Flaminio GUALDONI, in “Il Giorno”, Milano, 3 novembre 1979
  • “Il Resto del Carlino”, Bologna, 8 maggio 1980
  • “L’Adige”, “Il pittore Calchi Novati a Bologna”, Verona, 10 maggio 1980
  • “Il Tempo”, “Ludovico Calchi Novati espone a Bologna”, Roma, 8 maggio 1980
  • Lino CAVALLARI, Ludovico Calchi Novati, in “Il Resto del Carlino”, Bologna, 14 maggio 1980
  • “La notte”, Milano, 22 maggio 1980
  • “L’Adige”, Verona, 25 giugno 1980
  • “Il Resto del Carlino”, a Trento collettiva per l’estate, Bologna, 25 giugno 1980
  • “Il Mattino”, collettiva per l’estate della Galleria 9 Colonne di Trento, Napoli, 2 luglio 1980
  • “Il Giornale di Sicilia”, Palermo, 3 settembre 1980
  • Catalogo Nazionale delle Grafica, Bolaffi, Torino, 1980
  • Angelo MISTRANGELO, “Le immagini della natura”, in “Corriere di Chieri”, 6 dicembre 1980
  • “D’Ars”, “Calchi Novati”, anno XXI, n.94, Milano, Dicembre 1980
  • Silvia BROGGI, “Spazio aperto”, in “Bolaffi Arte”, n.104, Ed. Bolaffi, Torino, gennaio1981
  • Pedro FIORI, “Arte oggi!, in “Il Mobile”, Milano 30 gennaio 1981
  • Dino PASQUALI, “Irriverenza e pertinenza”, in “Arterama”, n.1-2, Milano, 1981
  • D’Ars, “Calchi Novati”, anno XXII, n.95, Milano, aprile 1981
  • Felice BALLERO, “Calchi Novati, le lavagne”, in “Artecultura”, anno XV, n.4, Milano, aprile, 1981
  • Germano BERINGHELI, presentazione in catalogo, Galleria “Il Mercante”, Milano, giugno 1981

[…]Le immagini più recenti fanno apparire davvero quella visibile materializzazione della logica suscitata sulla tela-spazio dei rapporti,definiti di equilibrio, di relazione, di contrapposizione, eccetera, di un espressione pittoricasperimentata, attraverso il colore e la stesuraformale, come un qualcosa che riduce all’essenziale un originario grumo emotivo affollato di sensazioni e di idee.

  • Giuseppe MAZZOLI, “Ludovico Calchi Novati al Centro Arti Visive Perseo”, in “Firme Nostre”, anno XXIII, n.91, Firenze, giugno 1981
  • “Il Corriere della Sera”, Milano, 7 giugno 1981
  • Pedro FIORI, “Calchi Novati”, in “Il Mobile”, anno XXV, 30 giugno1981

[…]Sono Metafore astratte disposte sulla superfice come nodi articolati. Strutture e segni di una simbiosi metamorfica che creano uno spazio esistenziale, che fa dei significativi un veicolo della comunicatività.

  • Attilio LUNARDI, “Ludovico Calchi Novati – I simboli della tristezza”, in: “Artecultura”, anno XV, n.7, Milano, luglio 1981
  • Germano BERINGHELI, “Ludovico Calchi Novati”, in :”D’Ars”, anno XXII, n.96, Milano, luglio 1981
  • “D’Ars”, Calchi Novati, anno XXII, n.96, Milano, luglio 1981
  • Giusy GRADIENTE, “I colori contrapposti di Calchi Novati”, in “La piccola città”, n.118, Milano, luglio 1981
  • “Il Giornale di Brescia”, “Ludovico Calchi Novati espone a Brescia”, Brescia, 21 settembre 1981
  • Alberto CHIAPPANI, presentazione in catalogo, “Il Brandale”, Centro d’Arte e Cultura, Savona, 1981

[…]”Astrattismo” quindi, non è il termine migliore o forse il solo che valga a definire l’espressione pittorica di Ludovico Calchi Novati, ma piuttosto con la forma contradditoria di “astrazione logico-geometrica” se proprio si vuole etichettare, com’è duso oggi, quest’esperienza visiva attenta ed originale, ma oltre le parole, ciò che è comprenderle.

  • “Artecultura”, anno XVI, n.1, Milano, gennaio 1982
  • “La Nazione”, “Opere silenziose”, Firenza, 13 gennaio 1982
  • “Il Giornale di Brescia”, Brescia, 13 gennaio 1982
  • “Il Tempo”, Roma, 13 gennaio 1982
  • “Brescia oggi”, Brescia, 30 gennaio 1982
  • Alberto CHIAPPANI, “Artecultura”, anno XVI, n.3, Milano, marzo 1982
  • “La Repubblica”, Roma, 7 maggio 1982
  • Paolo MANGIA, “Artecultura”, anno XVI, n.5, Milao, maggio 1982
  • Maria TORRENTE, “Geometria: come alternativa di libertà, in: “D’Ars”, anno XXIII, n.100, Milano, dicembre 1982
  • Catalogo ART EXPO 82, New York, 1982
  • Davide LOMBARDI in “Ludovico Calchi Novati”, Brescia , 1982
  • “La Tribuna”, “Le pitture di Calchi Novati”, Melegnano, 12 aprile 1983
  • “La Nazione”, “Arte e Arte”, Viareggio, Firenze, 4 agosto 1983
  • “La Nazione”, “Un’estate dedicata all’arte”, Firenze, 17 agosto 1983
  • “Il Libeccio”, “Arte e Arte”, Lido di Camaiore, 30 agosto1983
  • “Un’idea meccanica”, Galleria Civica di ascoli Piceno, dicembre 1983
  • Riccardo BARLETTA, presentazione in catalogo, Galleria Vismara, Milano, gennaio, 1984

[…]Lo stile di calchi Novati è, come sempre controllato, severo, duro e spigoloso. Il colore tonale s’accende in “fughe” di soprassalti timbrici, e i neri e i rossi cantano come sommersi, circondati, sostenuti, dai bruni sommessi. Il verde, colore della natura, manca del tutto dlla tavolozza di questo lombardo. Che vuol dire ciò? Semplicemente che Calchi Novati appartiene alla esigua schiera dei “topi di città” – pittori di paesaggi metropolitani come Sironi – e no a quella dei “topi di campagna”, la grande schiera dei lombardi naturalisti.

  • Pedro FIORE, “Ludovico Calchi Novati incontri d’arte”, Milano, 1984
  • Vincenzo ACCAME, presentazione in catalogo, Galleria Zarathustra, Milano, ottobre 1984
  • “Artecultura”, “Calchi Novati”, anno XVIII, n.2, Milano, febbraio 1984
  • “Corriere dei libri e dell’Arte”, Milano, 11 gennaio1984
  • “La Repubblica”, “Ludovico Calchi Novati”, Roma, 10 gennaio 1984
  • Pedro FIORE, “Il personaggio e l’opera: Calchi Novati”, in: “Artecultura”, anno XIX, n.4, Milano, aprile 1985
  • Pedro FIORI, “Artecultura”, anno XXVII, Milano, Giugno 1987
  • “Il Meridiano”, “Ludovico Calchi Novati”, Trieste, aprile 1987
  • “Il Piccolo”, “Calchi Novati”, Trieste, 21 maggio 1987
  • Mirko RENER , presentazione un Galleria, Galleria il Torchio, Gorizia, 21 maggio 1987
  • Catalogo ARTEFIERA 87, Bologna, 1987
  • Roberto NAZARI, in “Sei prove d’artista per una nuova dimensione”, Ed. COCIS, Milano, novembre 1988
  • Catalogo”Expo Arte” di Bari, Bari, 1988
  • Catalogo “Internazionale d’Arte Contemporanea” Milano, maggio 1989
  • Catalogo “EXPO ARTE” di Bari, Bari, 1989
  • Manifesto: Utilizziamo lo spazio Profondo, Ed. COCIS, Milano, 1990
  • “Verifica 90”, Provincia Autonoma di Trento, 1990
  • Massimo BIGNARDI, presentazione in catalogo, Galleria l’Ariete, Bologna, maggio 1990
  • “2000 Incontri”, “Ludovico Calchi Novati”, Bologna, maggio 1990

[…]Dell’impianto cromatico strutturato sul contrasto di toni, ben definiti da effetti chiarosculari, di pieni e di vuoti, di superfici chiare (illuminate) e scure (spinte nell’infinito del fondo) l’artista riduce gradualmente i salti di luce per approdare a stesure quasi monocrome, con piccoli scarti di nero su nero, tra i quali si vanno ad insinuare tagli di luce.

  • “Il Giornale dell’Arte”, Bologna, maggio 1990
  • “Casa Oggi”, Bologna, marzo 1990
  • Dino BELL, “Ludovico Calchi Novati: variazioni sul nero per un’ipotesi di forma”, “Carlino BOLOGNA”, anno 105, n.149, Bologna, 2 giugno 1990
  • L’Unità” Attraverso la memoria, Bologna in Anteprima, n.122, Bologna, 10 giugno 1990
  • “I diritti dell’invalido civile”, “Attraverso la memoria, Ludovico Calchi Novati a Bologna”, ottobre 1990
  • “SottoSopra 1”, cartella di incisioni con Italo Antico, Kengiro Azuma, Mari Benedetti, Giovanni Campus, Luca Crippa e Giancarlo Marchese, Ed. COCIS, Milano, giugno 1991
  • “Gazzetta di Parma”, Parma, 7 giugno 1991
  • Catalogo Arte 91, Padova, 1991
  • LINEART, “International Kunstbeurs 200 EEUW”, Gand, novembre 1991
  • Catalogo Rassegna d’Arte di Langhirano, Torrechiara, 1992
  • Ada Patrizia FIORILLO, presentazione in Catalogo, Galleria l’Oro di Noma, Milano, maggio 1993
  • Pedro FIORI, “Il memoriale di Calchi Novati”, in: “Artecultura”, anno XXVII, n.6, Milano, giugno 1993
  • Luigi BIANCO, “Ludovico Calchi Novati/Memoriale”, in: “Harta”, anno IV, n.20, Squillace, maggio 1993
  • Luigi BIANCO, “Ludovico Calchi Novati/Memoriale”, in “Harta”, anno IV, n.20, Squillace , maggio 1993
  • “Georama” anno 6, n.3, “Ludovico Calchi Novati: il tema della memoria”, Milano, aprile/maggio 1993
  • “Artshow”, Milano, estate 1995
  • Stefania CARROZZINI, presentazione in catalogo, Galleria Montserrat, New York, marzo 1996

[…]Ludovico Calchi Novati ha sempre mantenuto presente nella sua percezione visiva un concetto fondamentale: la situazione soggettiva è resa mediante la potenza di un gesto concertato attraverso l’ampiezza dello sguardo che tende ad abbracciare l’azione e il pensiero. Questa riflessione è andata via via sempre più solidificandosi nel tempo. Oggi si può dire che Calchi Novati ha saputo con coerenza mantenersi su di una stessa onda senza descrivere, narrare, o lasciar adito a decorativismi vari.

  • Dorothy ROATZ MEYERS, “Ludovico Calchi Novati”, in:”N.Y. Art”, New York, giugno 1996
  • “I Mendicanti”, spplemento n.26 di Harta, Squillace, febbraio/marzo 1996
  • “Art now-Gallery Guide”, New York, marzo 1996
  • “Artecultura”, “Un evento di cultura italiana a New York: Calchi Novati, Cascella, Sarri”, anno XXX, n.3, Milano, maggio 1996
  • “Il Gazzettino Illustrato”, “Ludovico Clchi Novati allo Studio Palazzi”, anno 47, n.10, Venezia , 16 agosto 1997
  • “That’s art”, n.2 Milano, febbraio 1998
  • “La Repubblica”, Roma, 16 febbraio 1998
  • “Flash Art”, anno XXXI, n.208, febbraio/marzo, 1998
  • “Catalogo MI ART”, Fiera di Milano, Milano, maggio 1998
  • Pedro FIORI, “Gli eventi simbolici – di Calchi Novati”, in “Flash Art” anno XXXI, n.209, aprile-maggio 1998
  • AA.VV., “Il paese ritrovato”, Edizione Comune di Recanati, per il bicentenario della nascita di Leopardi, Recanati, giugno 1998
  • Claudio CERRITELLI, “Ludovico Calchi Novati – Equilibrio e lacerazione”, Ed. D’Ars, giugno 1998

[…]A questo desiderio di portarsi oltre le regole della superficie Calchi Novati alterna cicli di opere che sprofondano nella luce del nero, quadri monocromi dove è sottile impresa osservare forme che si rivelanoattraverso prolungati tempi di percezione. Sono dipinti che mirano all’assoluto, all’energia che viene dall’oscurità e, solo in pochi casi, accettano di dialogare con punte di verde o di azzurro, con minimi spiragli di bianco o di grigio. Tenerissima è la presenza del rosa, un colore che il pittore sente nella sua soave carnalità come un respiro diverso dentro il dominio del nero, che tutto cancella e tutto rivela. Per Calchi Novati il nero sembra essere la luce della memoria, il colore dove il pensiero trova pausa e meditazione, riscoprendo il senso della profondità come origine di tutte le possibili avventure dello sguardo.

[…]Di tutte le memorie possibili resiste il senso delle frantumazioni, gli incontri e i conflitti tra segno e colore, gli slittamenti di un’immagine verso l’altra, attraverso echi, richiami, risonanze. Il fascino delle vibrazioni monocromatiche conquista il piano dell’opera dove diverse zone concorrono a creare equilibri ariosi, pervasi dal divenire di un’unica luce. Soprattutto nei quadri neri si sente qualcosa di nascosto, una voce interna, segreta, una luce che palpita, freme e sommuove la superficie.

  • Teo MARTUCCI, “Ludovico Calchi Novati: la trasmutazione dell’ignoto”, Artecultura, anno XXXIII, n.7, luglio 1999, Milano
  • Pedro FIORI, “I nuovi venti simbolici di Calchi Novati”, Art Studio, anno 43, n.1, Milano, febbraio 2000
  • Tiziana DEL FRATE, “Millenium 2000″. Un calendario d’arte”, in: “Artecultura”, anno XXXIV, n.3, Milano
  • Roberto TAGLIAFERRI, “La poesia in pittura – Calchi Novati dipinge la poesia di Leopardi”, presentazione in catalogo, Galleria Scoglio di Quarto, Milano, ottobre 2000

[…]Sarebbe imperdonabile vedere nell’estetica di Calchi Novati una qualche ombra di pessimismo; i fondali neri, che caratterizzano così marcatamente la sua opera, non sono luttuosi o umbratili, allusivi di naufragi annunciati o già consumati, il nero è la stessa luce che guardata in se stess abbacina la vista; è la verità guardata sena schermo, è la fissazione dell’occhio nel meccanismo veritativo dell’uomo, in quella crepa del simbolo priva di denotazione , senza titolo, che tuttavia connota il tutto e quindi si trattiene e non si lascia vedere se non in qualche riverbero di mondo. Fare arte significa allora per Calchi Novati cercare e trovare dei varchi per dire l’indicibile, per procedere nel mondo dei sigificati rimanendo sulla soglia. Gli indugi di colore come fili sottili o come screpolature sulla tela sono i varchi, sono le crepe, sono l’estremo tentativo del linguaggio di segnalare la tensione operata dall’Altro, dal Mistero.

  • Claudio RIZZI, “Ludovico Calchi Novati – linguaggio pittura”, presentazione in catalogo Cascina Grande Comune di Rozzano (MI), aprile 2001

[…]Nell’equilibrio di spazi e volume, nel rarefarsi dei pieni e nel rispetto dell’insorgenza dei vuoti, nell’incedere dei segni che non trafiggono ma ravvivano, il ritmo del dipinto è evidente e leggibile anche al profano.

Le asserzioni del nero che in questi anni ha delineato grande parte del lavoro di Calchi novti, allusive ma non ossessive, sono tramature palpitare e non campiture dilatate, adottano un linguaggio di raffinata cerchia ma non precludono lapartecipazione al vasto pubblico, anzi risultano invito e momento collettivo per una lettura corale.

Il gesto si propone con la linearità fendente di un taglio calibrato e freddo ma delinea invece linee e spazi di sentimento, ove le contrapposizioni anche più nette suggeriscono un dialogo palpitante di sinuose suggestioni. La luce gioca rito di supremazia anche là dove apparentemente i neri tendono a distendere il buio; e nel lampo luminoso compaiono apparenze allusive e presenze intuite di un lungo racconto in profondo.

[…]Polveri e pastelli, compiti o verganti come antiche velature, fiduciosi nella consapevolezza di traccia e perentori nella pronuncia, sedimentano tempo e sentimenti, sollecitano emozioni e inducono soggettive traduzioni letterarie, libere in proiezione fantastica perchè originata in rara libertà.

  • Roberto TAGLIAFERRI, “Premonizioe”, presentazione in catalogo, Scipione Castello, Salsomaggiore Terme (PR), dicembre 2001
  • Roberto BORGHI, “Memoriale di un colore”, presentazione in catalogo, Villa Pomini, Comune di Castellanza, Castellanza (VA), settembre 2002
  • Roberto TAGLIAFERRI, “Nero di Luce”, presentazione in catalogo, Villa Pomini, Comune di Castellanza, Castellanza (VA), settembre 2002
  • Alberto VECA, “Quartetto”, presentazione in catalogo, dicembre 2002
  • Roberto TAGLIAFERRI, “A un tratto”, presentazione al “libro d’arte Mario Luzi/Ludovico Calchi Novati”, dicembre 2003
  • Luca RENDINA, “conversazione con Ludovico Calchi Novati per “Dialogo parallelo”, dicembre 2004
  • Alberto VECA, “Interrogativi/aperture”, presentazione in catalogo, Galleria Vismara Arte, Milano, gennaio 2005
  • Stefano SODDU, presentazione in catalogo, “Ritratti di Studio 2”, Ed. Antartide, Milano, 2010
  • Giovanni SCHIAVO CAMPO, “Percorsi”, presentazione in catalogo, Spazio Pestalozzi, Milano, 2012
  • Cristina ROSSI, “Di spazi, di forme”, presentazione in catalogo, Spazio Pestalozzi, Milano, 2013
  • Marilisa DI GIOVANNI, “Nella luce”, presentazione in catalogo, Palazzo Broletto, Pavia, 2014
  • Cristina ROSSI, “La cella e l’anima”, presentazione in catalogo, Fortezza Priamar, Savona, 2014
  • Giorgio BONOMI, presentazione in catalogo, “Artisti a Milano”, Milano, 2014